COS’É LA CITTADINANZA DIGITALE, VANTAGGI E CARATTERISTICHE

Condividi questa notizia:

Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La cittadinanza digitale è quell’insieme di diritti e doveri che ha lo scopo di semplificare il rapporto tra cittadini, imprese e pubblica amministrazione tramite le tecnologie digitali. Fanno parte del concetto di cittadinanza digitale, quindi, anche l’identità, il domicilio e le firme digitali.

La Carta della cittadinanza digitale sancisce il diritto di cittadini e imprese ad accedere a dati, documenti e servizi di loro interesse in modalità digitale, attraverso l’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Lo scopo della Carta della cittadinanza digitale è proprio quello di semplificare l’accesso ai servizi, riducendo la necessità dell’accesso fisico agli uffici pubblici. Scopriamo insieme nel dettaglio cos’è e cosa comporta la cittadinanza digitale.

IL CODICE DELL’AMMINISTRAZIONE DIGITALE

La prima versione del Codice dell’amministrazione digitale risale al 2005 e nasce come insieme di disposizioni volte a stabilire il diritto di cittadini e imprese a relazionarsi con la pubblica amministrazione attraverso le tecnologie digitali. Inoltre, il CAD sancisce anche il dovere delle amministrazioni pubbliche di dotarsi degli strumenti digitali necessari a consentire ai cittadini di esercitare questo loro diritto.

Oggi il CAD è giunto alla sua sesta versione e prevede sia l’individuazione di nuovi strumenti e servizi digitali, che il rafforzamento di quelli esistenti, come previsto nel Piano Triennale per l’informatica nella pubblica amministrazione.

L’obiettivo del Codice dell’amministrazione digitale è quello di semplificare le operazioni svolte dalla pubblica amministrazione e di “avvicinarla” ai cittadini tramite un pannello di controllo centrale.

Il domicilio digitale e il difensore civico digitale unico

Uno dei primi diritti di cittadinanza digitale consiste nella scelta di un proprio domicilio digitale presso cui ricevere le comunicazioni della PA per via telematica. Si tratta di un indirizzo di posta elettronica certificata o qualificata, attivato previo possesso di un’identità digitale SPID e di una PEC, o di un indirizzo equivalente. Le comunicazioni elettroniche inviate al domicilio digitale hanno gli stessi effetti giuridici delle comunicazioni a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno.

Il difensore civico digitale unico è stato istituito per garantire i diritti di cittadinanza digitale dei cittadini. Questa figura interviene presso le amministrazioni o i concessionari di pubblici servizi inadempienti per invitarli a rimuovere gli ostacoli all’esercizio dei diritti di cittadinanza digitale.

Inoltre, la carta della cittadinanza digitale prevede il diritto di effettuare pagamenti digitali ed elettronici verso la pubblica amministrazione e gli esercenti di servizi di pubblica utilità con qualsiasi modalità di pagamento.

La firma digitale e carta d’identità elettronica

La firma digitale consente di scambiare in rete documenti con piena validità legale, utilizzando una coppia di chiavi digitali asimmetriche. La chiave privata è detenuta dal titolare per generare la firma digitale da apporre al documento, la chiave pubblica serve a verificare l’autenticità della firma.

Il Sistema Pubblico per la gestione dell’Identità Digitale di cittadini e imprese, anche detto SPID, permette ai cittadini di accedere ai servizi online offerti dalle pubbliche amministrazioni con un’unica identità digitale. Essa è la rappresentazione informatica della corrispondenza tra un utente e i suoi attributi identificativi verificati e registrati in forma digitale.

La carta d’identità elettronica è un documento personale sicuro, dotato di un microchip a radiofrequenza che memorizza i dati del titolare per attestarne l’identità. Essa equivale a un documento di viaggio in tutti i paesi dell’Unione Europea. Dal 2017 essa viene richiesta al momento della scadenza della propria carta d’identità tradizionale o in caso di suo smarrimento o furto.

L’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR)

L’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR) è stata istituita nel 2012 con lo scopo di riunire tutte le anagrafi comunali in un’unica infrastruttura telematica, sostituendo l’Indice Nazionale delle Anagrafi (INA) e l’Anagrafe della Popolazione Italiana Residente all’Estero (AIRE). Essa, oltre a semplificare cambi di residenza, emigrazioni, immigrazioni e censimenti, garantirà la sicurezza dei dati anagrafici.

EDUCARE ALLA CITTADINANZA DIGITALE

Educare alla cittadinanza digitale significa consentire ai cittadini di esercitare la propria cittadinanza usando in modo consapevole gli strumenti tecnologici, in base ai bisogni individuali. Ciò significa anche sapersi proteggere da plagi e truffe sulla rete e sui media, rispettare le norme specifiche, quali il rispetto della privacy, del diritto d’autore e simili.

I nativi digitali sono coloro che sono nati nella tecnologia e pertanto usano i mezzi tecnologici in modo naturale. Essi comunicano, interagiscono e apprendono in modo nuovo rispetto alle generazioni precedenti, proprio grazie alle nuove tecnologie.

Gli immigrati digitali, invece, sono di un’età più grande e hanno fatto entrare le tecnologie nel proprio quotidiano pur non essendo nativi digitali.

Il nativo digitale e l’immigrato digitale ricercano informazioni e le elaborano in modo diverso, richiedendo una modifica anche del modello tradizionale di scuola.

GLI ELEMENTI DELLA CITTADINANZA DIGITALE

La cittadinanza digitale è composta dai seguenti elementi:

Se stai cercando un partner autorevole per progetti che promuovono la cittadinanza attiva e l’identità europea, e-Medine potrebbe essere la soluzione per te.